Sintesi del discorso del Cardinale Mario Grech ai presbiteri di Caltagirone

Print Mail Pdf

card grech incontro clero

Lunedì 10 luglio il Cardinale Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, ha incontrato il clero della Diocesi di Caltagirone (Sicilia). Di seguito presentiamo la sintesi del suo discorso.

 

Il 9/10 del prossimo ottobre, il Santo Padre inaugurerà il Sinodo. La prima tappa di questo processo sinodale sarà li “consultazione del Popolo di Dio”.  Perciò pastori (vescovi e presbiteri) sono esortati di mettersi in ascolto attento e sincero del Popolo di Dio, un Popolo dai mille volti: fatto di vescovi, presbiteri, diaconi, laici e laiche, consacrati e consacrate, ricchi e poveri, dotti e ignoranti.

Si capisce così perché, secondo Francesco, i pastori non devono solo camminare davanti al Gregge, ma se necessario devono sapersi porre anche in mezzo a esso, così da percepirne il “fiuto”, e qualche volta addirittura dietro di esso, per poter essi stessi seguire quel “fiuto”.

I vescovi, e con loro tutti gli altri ministri ordinati, dovrebbero rappresentare in un certo senso le “antenne” del Popolo di Dio: stando tra i fedeli, sono chiamati a “intercettare” cosa lo Spirito Santo suggerisce alla Chiesa in questa precisa ora della storia.

Chi si rifiutasse di ascoltare quel Popolo si turerebbe di fatto gli orecchi di fronte allo Spirito che parla alle Chiese. È un ascolto che non può confondersi con un’indagine sociologica, volta a individuare i pareri della maggioranza, e che non coincide con l’opinione pubblica, ma richiede un attento discernimento per percepire, tra le molte voci spesso dissonanti, cosa effettivamente lo Spirito rivela.